mercoledì 12 dicembre 2007

Scottex

La Vita, miei cari castorini in attesa della favola, vi dirò, è come un rotolo di carta igienica. Tutto, dal suo lavoro ingrato, alla paura di rimanere senza sul più bello, rispecchia l'andazzo dei viventi.
E' impressionante. Cioè , io non ci avevo mai pensato. Ma è così. Non che la rivelazione sia giunta illuminante mentre mi dedicavo a "leciti affari" nel mio bagno, comunque...giunse all'università, luogo quanto mai adatto a ragionamenti sulla forma delle sottilette e sull'uso e consumo delle bottiglie di plastica. Ma dunque, dicevo! L'universo della Carta Igienica è vasto et arcano.Ve ne sono di tutti i tipi, di tutti i generi, di tutte le marche! In fondo, non è un articolo particolarmente difficile da fabbricare, come i bambini, del resto. Ed è Arcano, perché è arcana per prima la mente che ha partorito tale idea. E da qui prende piede il mio pensiero, e la mia constatazione;sì, perché la vita, è come un rotolo di Carta Igienica, non solo per il suo lavoro ingrato e per la paura che finisca sul più bello, ma anche perché c'è ne sono di tipi differenti, come le vite delle persone. Differiscono nei particolari; ce ne sono a 10 veli, ad esempio, ma anche a 3, 2, o 1! Perché no? Per risparmiare. Ci sono i rotoli morbidi, altri un po' meno. Ci sono quelli discreti, che al massimo ci hanno un ghirigoro, tanto per abbellire. E ci sono quelli protagonisti, con tutti i disegnini, che di tutto il bagno ricordi solo quelli. Ci sono quelli maxi, che durano tanto tanto, al punto che possono inseguire i camion in pubblicità imbecilli, e quelli che l'ultimo strappo è sempre un'incognita:"Quando avverrà?" oppure" Proprio ADESSO?!". Ma sono rotoli consapevoli, e non se la prenderanno se non verseremo qualche lacrima per loro. Ci sono quelli profumati, che provano ad apparare; ci sono quelli di carta riciclata, che da dove viene 'sta carta rimane un mistero (e forse è meglio così); Ci sono quelli colorati, quelli che fanno "pendant" col cesso, e che mamma non vuole che si tocchino, che stanno lì per bellezza e sono difficili da trovare, e tu li odi, li odi, li odi, pensando che tua madre li preferisca a te. E poi ci sono quelli normali, bianchi e in confezione da sei, che ti sorridono con clemenza dallo scaffale quando li compri, poiché sanno che senza di loro saresti nella merda(e mo ci vuole).
Il mondo è bello perché è vario. La Carta Igienica è bella perché e varia. E ci sta poco da fare. Il progresso ci ha portato a dipendere anche da lei. Accettiamolo e mosca. Propongo un po' di solidarietà, invece! Un bel "grazie" a lavoro finito. A rotoli e persone. Infondo loro, quello che fanno, non è sempre con piacere. Però lo fanno. E sia da esempio. Basta meschinità. Lo chiedo a nome di tutti "i tubi di cartone avvolti ripetutamente con fogli di carta lavorata meccanicamente". Basta chiamarli unicamente "Rotoli". E' da razzisti.